Ho una fotocopia di un articolo di H.G. Ströhl intitolato “Wappen und Flagge von Korea” a Herold, ottobre 1893, nr. 10, XXIV. Mostra due bandiere. La prima è etichettata come “Bandiera coreana” ed è come la bandiera moderna, ma il segno yin-yang è molto più intricato e la parte superiore è blu, quella inferiore blu. Secondo il testo normalmente sulla bandiera compaiono solo le 4 kwae principali, il più delle volte blu. Dice anche che la disposizione del kwae non è sempre la stessa. La seconda bandiera mostrata è quella sventolata presso il Consolato reale coreano ad Amburgo e ha 8 kwae, di colore giallo. Il segno yin-yang è come sulla bandiera moderna, ma ruotato di 90 gradi in senso antiorario. Ho qualche dubbio se la disposizione di questi 8 kwae sia corretta, dato che due kwae opposti non sono tra loro inversione. Sull’immagine di una vecchia rosa dei venti cinese mostrata nell’articolo sono invertite, quindi forse questa disposizione è più corretta.
Mark Sensen, 14 gennaio 1999

È interessante notare che la bandiera chiamata la bandiera del consolato reale coreano ha una diversa disposizione dei trigrafi. Ho notato che i coreani sono molto precisi nel descrivere la disposizione della loro bandiera (10:15). Eppure la bandiera che viene sventolata nei giorni festivi non ha le stesse proporzioni di quella mostrata nella descrizione ufficiale della loro bandiera, la differenza principale è l’aggiunta del bianco extra al campo della bandiera sul lato lontano dall’asta della bandiera. Il materiale aggiuntivo conferisce alla bandiera la stessa lunghezza della bandiera degli Stati Uniti (10:19).
L’ordine dei trigrammi nella bandiera del bordo del dente corrisponde a quello dell’ordinamento Hou Tian (ultimo paradiso) dei trigrammi dello Yi Ching cinese.
Patrick Kirol, 11 marzo 2000

Durante il dominio coloniale giapponese (1910-1945) era proibito l’uso della bandiera coreana del cerchio t “aeguk.
Fu usata la bandiera del governatore giapponese della Corea che è bandiera azzurra con bandiera nazionale giapponese (hinomaru) in un cantone come Alfiere blu britannico nonostante una tonalità di colore diversa. Il cantone misura un quarto dell’intera bandiera. L’azzurro è sinonimo di giustizia, correttezza e filantropia.

La Corea ha utilizzato una bandiera simile per presentare la bandiera. La t “aeguk è più lunga di quella attuale e il colore era inverso: blu su rosso. I quattro trigrammi neri sono posizionati in modo diverso: c’erano due linee spezzate e una ininterrotta in alto a sinistra / tre linee ininterrotte in alto a destra / tre linee spezzate in in basso a sinistra / una linea interrotta e due ininterrotte in basso a destra.

Un vecchio libro di bandiere giapponesi pubblicato nel 1876/1854 mostra una bandiera gialla quadrata con bordo rosso irregolare come standard del re coreano. La bandiera porta un drago verde con lingua rossa e nuvole grigie.
Nozomi Kariyasu, 21 marzo 1999

La storia antica della bandiera nazionale coreana sembra essere rimasta piuttosto oscura, secondo un articolo di Elizabeth Pyon pubblicato on-line sul Korea Herlad, il 18 dicembre 2001.
Il documento riporta recenti scoperte sull’invenzione della prima bandiera nazionale coreana, che sembrano in disaccordo con le spiegazioni tradizionali. La ricerca è stata condotta dal Dr. Kim Sang-Sup, un ricercatore “riformista” specializzato nello Yi-ching. Il dottor Kim ha basato le sue conclusioni su diversi documenti ufficiali storici della fine del XIX secolo.
La bandiera nazionale coreana fu usata per la prima volta da una missione diplomatica coreana inviata in Giappone nel 1882. Questa fu la prima missione diplomatica mai inviata dalla Corea. Re Gojong ha ordinato al capo della delegazione, il principe Pak Yeong-Hyo, di issare la bandiera nazionale coreana sulla nave utilizzata dalla missione. Questi sono fatti storici. Inoltre, si dice spesso che lo stesso re Gojon abbia disegnato la bandiera all’inizio degli anni ottanta dell’Ottocento. Voleva esprimere la sua resistenza all’influenza straniera e la sua volontà di preservare l’indipendenza del suo Regno.
Sfortunatamente, questa teoria non è supportata da alcuna prova seria. I documenti storici studiati dal Dr. Kim danno una storia completamente diversa.
Nel 1875, una flotta giapponese navigò troppo vicino all’isola di Ganghwa e ebbe un alterco con l’esercito coreano. I coreani hanno sparato alla bandiera giapponese. Questo è stato usato come pretesto dall’esercito giapponese per una campagna di rappresaglia. Prima di questo evento, c’era poco interesse in Corea per un simbolo nazionale. Re Gojong chiese consiglio al suo sovrano, l’imperatore della Cina, sulla questione della bandiera. Esperti cinesi suggerirono una bandiera simile alla bandiera cinese dell’epoca, un drago con cinque artigli su sfondo giallo. La corte coreana, invece, ha respinto la proposta di un drago con quattro artigli su sfondo blu, considerato “troppo sofisticato”.
Nell’aprile 1882 si tenne un incontro ufficiale coreano-cinese per discutere la questione della bandiera coreana. L’emblema “teaguk” è stato proposto per la prima volta durante questo incontro.Documenti ufficiali della corte reale coreana affermano che il delegato cinese Ma Chien-Chung ha promosso l’uso della spirale Yin-Yang in rosso e blu e otto combinazioni dello Yi-ching, e ha imposto le sue opinioni al delegato coreano Kim Hong-Jip . Ma Chien-chung ha spiegato il simbolismo della sua proposta. Gli otto diagrammi Yi-ching corrispondevano alle otto province coreane, e il rosso era il colore del re mentre il blu era il colore della gente comune. La Corea alla fine adottò la sua bandiera sotto la pressione cinese e la usò per la sua prima missione diplomatica come detto sopra.
La prima versione del “taeguk” era molto vicina al diagramma originale di Yi-Ching, che include otto sottodiagrammi. La cancellazione di quattro di questi sottodiagrammi è riportata nel diario del principe Pak Yeong-Hyo. Il principe ha mostrato il disegno della bandiera originale a James, il capitano britannico della nave utilizzata per la missione. James ha trovato il progetto troppo complicato e ha proposto di eliminare quattro degli otto diagrammi Yi-Ching.
Ivan Sache, 15 agosto 2002

Da: http://english.chosun.com/w21data/html/news/200401/200401260030.html

“Discovery of Old Flag Discredits” Taegukgi “Legend
di Yu Seok-jae

Il più vecchio è stata scoperta l’immagine di un “Taegukgi”, la bandiera nazionale della Corea, che fornisce informazioni su come i simboli della bandiera sono stati usati. Il Taegukgi fu trovato nelle “Flags of Maritime Nations”, emesse dal Bureau of Navigation del Dipartimento della Marina degli Stati Uniti nel luglio 1882, e con il suo simbolo yin-yang rosso e blu e quattro trigrammi neri ha la stessa forma dell’attuale coreano bandiera. Questo Taegukgi sarebbe due o tre mesi più vecchio di quello usato da Park Yeong-hyo, che è noto come il primo a realizzare e utilizzare una bandiera a quattro trigrammi. Park lo ha fatto durante una missione diplomatica in Giappone da agosto a settembre del 1882. fu trovata la più antica Taegukgi, la bandiera nazionale della Corea. Questa versione è elencata in “Flags of Maritime Nations”, pubblicata dal Bureau of Navigation presso il Dipartimento della Marina degli Stati Uniti nel luglio 1882. Questa versione utilizza i quattro trigrammi del Libro dei cambiamenti. Fino ad ora, Park Yeong-hyo era conosciuto come la prima persona a usare quattro trigrammi dal Libro dei Mutamenti. La bandiera è stata pubblicata due o tre mesi prima che Park si trasferisse in Giappone.

contributo di Jan Mertens, 20 agosto 2004

Nota: le informazioni bibliografiche sulle bandiere delle nazioni marittime si trovano all’indirizzo

Yoon Sojung riporta il Korea.net, 29 febbraio 2008, il ritrovamento di una copia della bandiera nazionale coreana datata 1882.

Scoperta negli archivi nazionali del Regno Unito, questa copia della bandiera è stata acclusa in una lettera scritta dall’allora viceministro degli esteri giapponese Yoshida Kiyonari all’ambasciatore britannico in Giappone Harry Parkes nel novembre 1882, secondo la Korea “s Independence Hall. Nella lettera, il vice ministro degli esteri giapponese ha presentato la copia come bandiera nazionale della Corea all’ambasciatore britannico.
Questa copia mostra uno dei disegni più antichi, originariamente creato da Bak Yeong -hyo (1861-1939) durante la dinastia Joseon (1392-1910) nel settembre 1882.
Bak fu nominato dall’imperatore Gojong (1852-1919) ambasciatore di Joseon in Giappone il 1 settembre 882. Mentre era a bordo di una nave diretta in Giappone, Bak disegnò una bandiera nazionale con un cerchio taegeuk e includeva solo quattro trigrammi, e iniziò a usare la bandiera il 25 di quel mese. Il 3 ottobre lo riferì al re Gojong, che proclamò formalmente il Taegeukgi come bandiera nazionale il 6 marzo 1883.
Questa copia ha un cerchio di taegeuk dipinto in rosso e blu che rappresenta lo yin e lo yang che simboleggia l’armonia universale, un trigramma nero in ciascuno dei quattro angoli e uno sfondo bianco. Lo sfondo bianco di taegeukgi simboleggia la luce e la purezza e riflette la tradizionale affinità del popolo coreano per la pace. I quattro trigrammi di Geon, Gon, Gam e Li, dipinti in blu in questa copia, che circondano il cerchio yin-yang, denotano il processo di yin e yang che attraversa una serie di cambiamenti e di crescita.

L’immagine della copia della bandiera, mostrata su “Korean.net” proietta alcuni dubbio sulla bandiera del 1893 riportato da HG Ströhl a Herold (sopra).
Ivan Sache, 4 marzo 2008

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *