La nostra radice di bardana biologica viene coltivata con grande cura nel nord-ovest del Pacifico. Arctium lappa ha una lunga tradizione di utilizzo nell’erboristeria occidentale e in tutto l’Estremo Oriente. Questa radice versatile ha una miriade di usi interni ed è stata utilizzata come pianta alimentare nella cucina orientale.

La bardana è stata per migliaia di anni un’importante botanica nell’erboristeria popolare occidentale e nella medicina tradizionale cinese, apprezzata principalmente per le sue proprietà detergenti e leviganti. L’intera pianta è commestibile ed è un ortaggio popolare in Asia, in particolare in Giappone. Più di recente, la bardana è stata un ingrediente nei tonici per capelli e nei cosmetici per la pelle matura.

Un membro biennale della famiglia Asteraceace, con fiori di cardo dal rosa-rosso brillante al viola su lunghi steli e a foglie cordate, enormi e pelose originarie dell’Europa e dell’Asia, e ora naturalizzate in Nord America e Australia. Questa pianta può raggiungere un’altezza molto robusta, raggiungendo fino a 9 piedi, e il suo fittone aromatico “simile a una carota” può crescere fino a 3 piedi di profondità nel terreno (rendendoli difficili da raccogliere). È naturalizzato e abbondante nel nord degli Stati Uniti e in Europa ed è considerato una pianta infestante in tali aree.

Il nome generico arctium deriva dalla parola greca per orso o arktos e il nome della specie, lappa, proviene dal Parola latina lappare che significa “cogliere”. Il frutto (fresa) sembra ruvido e peloso, simile a un grande orso peloso e si aggrapperà a qualsiasi cosa nelle vicinanze per diffondere il suo seme, da cui il nome. Il suo nome comune deriva dalla parola francese bourre che si riferisce a un groviglio di lana (spesso impigliata con le frese) e dal tedesco “dock” che si riferisce a grandi foglie. Varie specie, come A. minus o A. tomentosum, possono essere utilizzate in modo intercambiabile. Tuttavia, la bardana viene spesso confusa con cocklebur o Xanthium spp. che ha proprietà completamente diverse.

Coltivato in Cina, Giappone, Vietnam, Indonesia, Filippine, Nuova Zelanda, Stati Uniti, Canada e in vari paesi in Europa.

I semi vengono raccolti in autunno e si stacca dalla pula con il mattarello. La raccolta delle radici non è un compito facile, ma può essere effettuata nell’autunno del primo anno o nella primavera del secondo, preferibilmente il primo. Secondo il defunto erborista Michael Moore “raccogliere piante fiorite in autunno può essere tanto faticoso quanto scavare un piccolo albero”

La bardana è un’erba per tutti gli usi che è stata usata continuamente per una miriade di scopi. durano poche migliaia di anni in Asia e in Europa e più recentemente in Nord America. È una pianta alimentare chiamata gobo in giapponese ed è un ortaggio molto consumato in Giappone. La radice può essere consumata fresca o cotta e le foglie giovani possono essere cotte come qualsiasi altra verdura. I gambi hanno un sapore un po ‘come gli asparagi e possono essere mangiati crudi in insalata, bolliti o canditi con lo zucchero.

Nella medicina tradizionale cinese, il frutto di bardana è stato utilizzato continuamente per migliaia di anni. È noto per bilanciare il calore interno, è particolarmente utile per sostenere la salute della pelle ed è associato ai meridiani del polmone e dello stomaco. È considerato energeticamente freddo e di consistenza scivolosa che lenisce le mucose. La radice è anche comunemente cotta per cambiare le sue proprietà energetiche e specificatamente per renderla più digeribile. Nella medicina popolare europea, un infuso o un decotto dei semi veniva impiegato come diuretico. È stato utile per migliorare la salute attraverso il supporto della digestione e come impiastro topico.

-Culpepper nel suo Complete Herbal, scritto nel 1653, dice quanto segue su Bardana:

È così buono noto, anche ai ragazzini, che si sfilano le frese per gettarsi e attaccarsi l’un l’altro, che mi risparmierò di scriverne qualsiasi descrizione …… Le foglie di bardana si stanno raffreddando e si stanno asciugando moderatamente. Le foglie applicate nei punti turbati dal restringimento dei tendini o delle arterie, danno molta facilità. Il succo delle foglie, o meglio le radici stesse, dato da bere con vino vecchio, aiuta meravigliosamente il morso di eventuali serpenti.

Inoltre, Culpepper, un appassionato astrologo oltre che un erborista, considerato bardana per essere una pianta femminile, governata dal pianeta Venere e ne ha tenuto conto durante la preparazione dei suoi elisir di bardana. Tradizionalmente si pensava che la radice portasse poteri magici, in particolare poteri di protezione e guarigione. Si credeva che indossare una collana ricavata dalla radice, raccolta durante la luna calante, proteggesse chi la indossava dal male e dalla negatività. Nella tradizione curativa dei nativi americani, la pianta era usata da Malecite, Micmac, Ojibwa e Menominee per la salute della pelle. Inoltre, le radici furono essiccate dagli Irochesi sul fuoco e conservate per il cibo per l’anno successivo. Hanno anche utilizzato il relativo A. meno nei bagni medicinali.

Secondo William Cook, autore del Physio-medical Dispensatory nel 1869, la bardana “entra in una sorta di birra di famiglia insieme ad agenti come il molo giallo, il nardo, i fiori di sambuco e lo zenzero” benefica bevanda primaverile. L’erborista Matthew Becker afferma che la bardana è un “decongestionante linfatico potente ma sicuro”. Inoltre, che come un sottile alterativo funziona meglio nel tempo e mostra proprietà riparatrici dovute, in parte, ai suoi effetti tonico amaro sull’apparato digerente. Contiene anche inulina che nutre i batteri sani nel colon.

La bardana è considerata da molti erboristi il medicinale più conosciuto per le malattie della pelle (Hoffman, Moore). Questa erba è altamente efficace, delicata e multiuso. Promuove il flusso della bile e aumenta anche la circolazione alla pelle. è un lieve diuretico e linfatico. La bardana è ampiamente utilizzata come alterativo e purificatore del sangue. Le foglie possono essere trasformate in un impiastro fresco per lenire la quercia velenosa e l’edera velenosa e un decotto di foglie fa un lavaggio terapeutico per la pelle.

Sapore: freddo pungente, dolce

Radice essiccata come infuso freddo, decotto o tintura.

L’ispirazione per il velcro è venuta dalla fresa di bardana. L’inventore, un Un giorno l’ingegnere elettrico svizzero di nome Georges de Mestral stava camminando sul monte ha visto delle frese attaccarsi ai calzini di lana e al pelo del cane. È andato a casa ed ha esaminato i semi appuntiti e simili a uncini che compongono il frutto e ha pensato di poter replicare questa azione “avvincente” in laboratorio. E così fece e, nel 1955, il velcro fu brevettato e rilasciato al mondo.

Precauzioni
Nessuna precauzione nota. Si consiglia di consultare un medico qualificato prima di utilizzare prodotti a base di erbe, in particolare se si è in gravidanza, in allattamento o su qualsiasi farmaco.

Queste informazioni non sono state valutate dalla Food and Drug Administration. Questo prodotto non è destinato a diagnosticare, trattare, curare o prevenire alcuna malattia. Solo a scopo didattico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *