Il Pendleton Civil Service Reform Act (cap. 27, 22 Stat.403) degli Stati Uniti è una legge federale stabilita nel 1883 che stabiliva che i lavori del governo dovrebbero essere assegnato in base al merito. L’atto prevedeva la selezione dei dipendenti del governo tramite esami competitivi, piuttosto che legami con politici o affiliazioni politiche. Ha anche reso illegale licenziare o retrocedere funzionari governativi per motivi politici e proibito sollecitare donazioni per campagne su proprietà del governo federale. Per far rispettare il sistema del merito e il sistema giudiziario, la legge ha anche creato la United States Civil Service Commission. Un risultato cruciale è stato il passaggio delle parti a fare affidamento sui finanziamenti delle imprese, poiché non potevano più dipendere da aspiranti clientelari.

Avviato durante l’amministrazione di Chester Alan Arthur, il Pendleton Act è servito come risposta al massiccio sostegno pubblico alla riforma del servizio civile che crebbe in seguito all’assassinio del presidente James Garfield da parte di Charles J. Guiteau. Nonostante il suo precedente sostegno al sistema clientelare, Arthur divenne un ardente sostenitore della riforma del servizio civile in qualità di presidente. La legge divenne legge il 16 gennaio 1883. La legge è stata sponsorizzata dal senatore George H. Pendleton, senatore democratico dell’Ohio, e scritta da Dorman Bridgeman Eaton, un convinto oppositore del sistema clientelare che in seguito fu il primo presidente della Commissione del servizio civile degli Stati Uniti. la legge si sarebbe rivelata anche una delle maggiori responsabilità politiche per Arthur: la legge offendeva i politici delle macchine all’interno del Partito Repubblicano e non si dimostrò sufficiente per i riformatori del partito; quindi, Arthur perse popolarità all’interno del Partito Repubblicano e non fu in grado di vincere la nomina presidenziale del partito alla Convention Nazionale Repubblicana del 1884.

La legge si applicava solo ai lavori del governo federale, non ai lavori statali e locali Questa era la base per le macchine politiche. All’inizio, il Pendleton Act copriva solo pochissimi posti di lavoro, poiché solo il 10% dei dipendenti civili del governo degli Stati Uniti aveva un lavoro nel servizio civile. Tuttavia, c’era una disposizione ratchet in base alla quale i presidenti uscenti potevano bloccare i propri incaricati convertendo i loro posti di lavoro in servizio civile. Dopo una serie di capovolgimenti di partito a livello presidenziale (1884, 1888, 1892, 1896), il risultato fu che la maggior parte dei lavori federali erano in servizio civile.

Articolo completo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *