Capitolo uno

Ria Hastings aveva voglia di guai. Era una calda notte tropicale a Isla de los Sueños, una piccola isola al largo della Costa Rica, nota per le sue spiagge di sabbia bianca, gli sport acquatici, la pesca d’altura e le bevande al rum. Su un lato dell’isola, diverse grandi proprietà si trovavano sulle aspre colline con viste spettacolari sull’oceano. Il resto della città viveva vicino alla spiaggia, dove tre hotel e una dozzina di ristoranti gareggiavano per i dollari dei turisti.

Ria si asciugò una ciocca di capelli biondi dalla fronte sudata. La temperatura si aggirava intorno agli ottanta gradi subito dopo la mezzanotte e il bar sulla spiaggia era pieno di turisti. Ria si occupava del bar dalle sette ed era pronta a fermare la serata. Era già stata colpita quattro volte e, sebbene fosse abituata a trattare con uomini che erano un po ‘troppo ubriachi o troppo interessati a lei, era stanca di mostrare un sorriso educato, ma avrebbe fatto esattamente quello per un’altra ora. Non poteva rischiare di essere licenziata, né poteva permettersi di attirare l’attenzione su di sé. Da mesi si era mescolata alla scena locale. Non era la notte in cui spiccare.

Mentre puliva il bancone, il suo sguardo si fissò su un uomo seduto in fondo al bar. Era arrivato due ore prima con un amico: un rumoroso, affascinante e ora martellato, biondo abbronzato di nome Tim. Tim stava facendo colpi di tequila da dieci anni e ora ospitava un trio di belle ragazze a un tavolo vicino. L’uomo al bar sembrava non avere alcun interesse a unirsi alla festa del suo amico e aveva bevuto una vodka tonic per quasi un’ora. Inoltre non aveva risposto a nessuna delle donne che si erano sedute sul sedile accanto a lui, sebbene il suo sguardo si fosse spostato nella sua direzione in più di un’occasione.

Era un uomo attraente, atleticamente costruito, vestito con pantaloncini color cachi e una camicia in maglia blu navy. I suoi capelli castano scuro erano sul lato corto e aveva un’aria disciplinata. Militare, pensò. Appena uscito o in licenza, ma abbastanza vicino al suo servizio che il suo corpo era ancora tonico e in piena allerta.

Non si era persa il fatto che il suo sguardo saettò verso la porta quasi quanto il suo , come se stesse aspettando qualcuno o non volesse essere colto di sorpresa. Forse era dell’intelligence militare.

Quell’idea la fece accigliare. L’ultima cosa di cui aveva bisogno era l’intelligence militare per presentarsi sull’isola.

Si disse di non lasciare che la sua immaginazione si scatenasse. Molti ex militari sono venuti sull’isola per decomprimersi e sfogarsi. Dal momento che il luogo era diventato una destinazione popolare per feste di addio al celibato e nubilato, di solito c’era molta azione disponibile per chiunque volesse trovarlo.

Ma quest’uomo non sembrava interessato a sfuggire alla realtà con alcol o con donne, quindi qual era la sua storia?

Guardando l’orologio, si disse che aveva cose migliori di cui preoccuparsi di uno sconosciuto casuale, non importa quanto fosse sexy.

Tra poche ore, il piano che aveva messo in atto sei mesi prima sarebbe stato finalmente lanciato. Aveva esaminato i dettagli mille volte nella sua testa e, sebbene non volesse altro che andarsene da sola da qualche parte e rivedere tutto di nuovo, era più importante per lei mantenere la sua solita routine.

L’uomo in fondo al bar attirò di nuovo la sua attenzione. C’era qualcosa nel suo sguardo scuro che la chiamava, una spinta di attrazione, desiderio, sentimenti che non si era permessa di provare per molto tempo. Non poteva permettersi di rispondere alla sua chiamata. Era troppo vicina alla fine per essere distratta da un uomo, soprattutto un uomo che le ha fatto venire i nervi con un solo sguardo.

D’altra parte …

Mentre due uomini si avvicinavano al bar, si spostò lungo il bancone verso il suo collega barista, Martin, un ex-abbandono di Harvard di ventidue anni, che era venuto sull’isola per ritrovare se stesso. Finora, l’unica cosa che aveva trovato era l’amore per la tequila e le ragazze in bikini.

“Cambia con me”, disse.

Lo sguardo di Martin si spostò oltre la sua gli uomini scivolano sugli sgabelli all’altra estremità del lungo bancone. “Problemi?”

“Preferirei semplicemente non servirli.”

“Capito”, disse.

Si avvicinò al bellissimo sconosciuto. In quel momento, sembrava la scelta meno pericolosa, o almeno, la scelta pericolosa meno ovvia. Era passato molto tempo dall’ultima volta che si era permessa di fidarsi di qualcuno.

“Posso offrirti un altro drink?” chiese.

I suoi occhi erano di un marrone scuro e profondo, e c’erano ombre nel suo sguardo, cose che aveva visto, cose che non voleva vedere di nuovo, sospettava. Ma c’erano anche coraggio e forza nei suoi occhi, una sfida resiliente. Potrebbe essere stato abbattuto, ma lei dubitava che fosse rimasto a terra.

“Certo, perché no?” rispose, con una leggerezza che contrastava con la sua postura tesa.

“Non riesco a pensare a un motivo. Stesso? O vuoi cambiarlo un po ‘?Abbiamo un’isola speciale che ti potrebbe piacere. “

” Che cos’è? “

” Beso de la sirena, altrimenti noto come il bacio della sirena. “

” Vedi le sirene dopo averlo bevuto? ” chiese, un bagliore più leggero entrò nei suoi occhi.

“Alcuni uomini lo fanno.”

“Sembra pericoloso.”

“Sembri un uomo che potrebbe sopportare un piccolo pericolo. “

” E sembri una donna che sa come vendere una bevanda ad alto prezzo a un turista. ” Un accenno di sorriso gli apparve sulle labbra.

Quindi era intelligente oltre che attraente. “Colpevole. Quindi cosa sarà? Beso de la sirena o un altro tonico di vodka? “

” Vodka, trattieni il tonico. ” Spinse il bicchiere vuoto attraverso il bancone.

Gli preparò un altro drink, poi inclinò la testa verso la sua amica, che stava pomiciando con una bionda dai grossi seni. “La tua amica sembra ignorarti.”

Ha alzato le spalle. “Non posso biasimarlo. Sono tutti molto carini.”

“Eppure, qui ti siedi da solo. Nessuno qui ha catturato il tuo interesse? ” Pulì il bancone con un asciugamano umido. Mentre parlava, lanciò un’occhiata di traverso ai due uomini dall’altra parte del bar.

Lavoravano come guardie del corpo per Enrique Valdez, uno degli uomini molto ricchi che si stabilirono sulle colline dell’isola. . Per quanto non li volesse al suo bar, era un bene che fossero entrati; la vedrebbero fare quello che ha sempre fatto. Non solleverebbe alcun sospetto.

“Non l’ho detto”, disse l’uomo di fronte a lei.

“Cosa?”

“Hai detto che non c’era nessuno qui a cui fossi interessato, ma non è vero.”

Il suo cuore perse un battito al suo sguardo diretto e il suo polso iniziò a battere troppo velocemente. punto di non farsi coinvolgere con i turisti, o con chiunque altro, ma quest’uomo era più che un po ‘allettante. Era stata sola sull’isola, vivendo una vita di finzione. Ma quella finzione era fondamentale per restare in vita. Non poteva non lasciare che il desiderio si intrometta.

“Bella linea”, disse casualmente. “L’ho già sentito, circa tre dozzine di volte.”

Sorrise. “Scommetto che l’hai fatto. Ma sono l’unico che lo intendeva davvero. “

” Certo che lo sei. “

” Come ti chiami? “

Il suo corpo si irrigidì. “Prima tu.”

“Drew Callaway.”

“Vuoi aggiungere un titolo prima del tuo nome? Forse tenente o capitano”, suggerì. Aveva l’aria di leadership su di lui.

Inclinò la testa, un luccichio negli occhi. “Tenente.”

“Con il …”

“Sono in tra i servizi al momento. Ex pilota della Marina, presto piloterà elicotteri per la Guardia Costiera. “

Il pilota della Marina ha certamente spiegato perché trasudava disciplina e incoscienza allo stesso tempo. Probabilmente ha anche spiegato da dove provenivano le ombre nei suoi occhi.

“Cosa ti ha fatto capire?” chiese con curiosità.

Lei alzò le spalle. “Sono brava a leggere le persone. Viene fornito con il lavoro. Perché hai lasciato la Marina? “

Non rispose subito, un’espressione contemplativa nei suoi occhi, poi disse:” Il mio tempo era scaduto. Avevo bisogno di un cambio di passo. “

“Dove sei stato schierato?”

“Dappertutto”.

“Quindi hai visto l’azione?”

“Troppo.”

Gli lanciò uno sguardo pensieroso. “Non sembra che tu stia facendo un grande cambiamento, passando da un tipo di servizio a un altro.”

“Continuo a volare, che è tutto ciò che ho sempre voluto fare, ma spero non con tante persone che mi sparano. “

” Non riesco a immaginarlo. “

” No, tu non posso. ” Sorseggiò il suo drink, poi posò il bicchiere. “Il tuo turno.”

Lei si schiarì la gola. Viveva sull’isola da sei mesi, e in quel periodo nessuno aveva esitato davanti al nome che era sul suo passaporto falso, una versione del suo vero nome. “Ria”, ha detto.

“Bella. Cognome? “

” Non importante. “

” Una donna misteriosa “.

” Una donna a cui piace la sua privacy. “

“Da quanto tempo vivi qui sull’isola, Ria?”

“Abbastanza per conoscere meglio che per essere coinvolto con i turisti”, ha detto con un breve sorriso.

“Nessuna eccezione?”

“Non così lontano. Le persone vengono, se ne vanno. Io sono ancora qui.” Fece una pausa: “Cosa ti ha portato sull’isola dei sogni?”

Un sorriso gli incurvò le labbra, dandogli uno sguardo completamente diverso, ancora più attraente. Sentì un nodo crescere in gola.

“Ho sognato una bellissima bionda con grandi occhi marroni”, ha detto. “Una bocca piena, con labbra morbide da baciare e un corpo assassino”. Il suo sguardo cadde sui suoi seni. “Penso di averla trovata.”

I suoi nervi formicolavano sotto il suo controllo e dovette combattere l’impulso di coprirsi i seni, non si vedeva molto nella sua uniforme da bar, una canottiera rossa color corallo su pantaloncini bianchi. La maggior parte delle donne al bar mostrava più pelle di lei.

“Sei piuttosto un flirt”, ha detto con leggerezza.

“In realtà, io Sono un po ‘fuori allenamento. “

” Stai solo uscendo da una relazione? ” chiese, incapace di credere che quest’uomo avrebbe avuto problemi a trovare un appuntamento.

“Mi sono concentrata su altre cose. Rimanere in vita per uno.”

“Capisco come potrebbe essere una priorità.”

” E tu? ” ha chiesto. “Sei coinvolto con qualcuno?”

“No.”

“Bene”.

“Perché è buono?” sfidò.

Lui sorrise. “Perché mi piaci, Ria. A che ora scendi? “

Il suo cuore sobbalzò allo sguardo affamato nei suoi occhi. “Sei molto diretto.”

“Parto domani. Non ho molto tempo. “

” Dove stai andando? “

” San Francisco. “

Un desiderio malinconico le riempì il corpo . San Francisco era una delle sue città preferite. E lei era stata via per troppo tempo.

“Amo San Francisco”, ha detto. “Ho vissuto lì quando ero bambina. Mio nonno era un pescatore. Mi porterebbe nella baia ogni volta che ne ha la possibilità. ” Inspirò velocemente, rendendosi conto che stava parlando troppo. “In quale parte della città vivi?”

“Sono cresciuto a St. Francis Wood, ma vivrò a sud di Market a partire dalla prossima settimana. È la zona calda in cui vivere adesso, proprio vicino al nuovo campo da baseball. ” Fece una pausa. “Non hai risposto alla mia domanda, Ria. A che ora scendi?”

Gli diede una lunga occhiata, sentendosi incredibilmente tentata. I suoi occhi erano così scuri e intriganti, i suoi lineamenti di pura bellezza maschile . Aveva anche una bocca che sembrava davvero baciabile, e un atteggiamento deciso che le faceva pensare che probabilmente sapeva cosa fare con una donna. Era passato molto tempo da quando si era persa tra le braccia di un uomo per alcune ore . E nonostante fosse un estraneo, aveva la strana sensazione di potersi fidare di lui per non ferirla. Era un pensiero pericoloso, perché non poteva permettersi di sbagliare.

” Ria? ” ha premuto.

“Pensi che sia così facile?” ribatté.

“Non è facile, ma penso che forse sei importante”.

La nota seria nella sua voce le fece venire un brivido lungo la schiena. Si disse di non lasciarsi trasportare. Stava solo cercando di portarla a letto. Diceva qualsiasi cosa. Non riusciva a credere a una parola.

“Perché mai lo avresti detto?”

“Non lo so. Da quando ti ho visto ho voluto parlarti. “

” Non mi hai chiesto a che ora sono sceso per poter parlare con me. “

” Ebbene, quello era uno dei motivi “, ha detto. “Non sto cercando di insultarti. Se avessi più tempo, ti chiederei di uscire. Ti porterei dei fiori e ti porterei in un ristorante costoso e ti comprerei un taglio di bistecca molto costoso.”

“È il tuo solito stile?”

Le fece un sorriso. “Non ho uno stile. E anche se non professerei mai di capire o sapere cosa vuole una donna, ho delle sorelle, e loro parlano e si lamentano molto, soprattutto quando si tratta di uomini e appuntamenti.”

“Quante sorelle?”

“Tre sorelle e quattro fratelli.”

“Grande famiglia. Dove sei in formazione? “

” Quarto dalla cima. “

” Altrimenti noto come centro. “

Inclinò la testa . “Sì. E tu? Grande famiglia?”

“No. Sono figlio unico.” Faceva parte del retroscena che aveva inventato prima di venire sull’isola; era anche parzialmente vero. “Un tempo desideravo avere una famiglia numerosa.”

“Non è tutto quello che sembra”, disse seccamente. “Molto rumore e caos.”

“E amore”, suggerì, sentendo un dolore che le penetrava profondamente nell’anima.

La sua famiglia era sempre stata complicata. Amore, tradimento, divorzio, morte … Supponeva che questo fosse ciò che costituiva una vita, ma sembrava che avesse visto troppo il lato oscuro dell’amore.

“Un sacco di amore”, ha detto Drew. “A volte troppo. A tutti piace essere nei miei affari. “

Nonostante le sue lamentele, poteva vedere l’orgoglio nei suoi occhi quando parlava della sua famiglia.

” Quindi, l’una, Due?” premette, alzando un sopracciglio. “A che ora hai finito qui?”

“Due. Ma non ti sto incontrando.”

“Perché no?”

“Non sono dell’umore giusto per un incontro.”

“Non lo sei? Ti ho osservato tutta la notte e sono brava anche a leggere le persone, Ria. Sei un fascio di nervi. Ogni volta che qualcuno entra dalla porta, ti irrigidi. Perché? Sei nei guai? “

Le sue parole la infastidirono su due livelli, uno per il fatto che le avesse letto così bene e, due, per il fatto che lei aveva dato via così tanto.

“E suppongo che pensi che dovrei rilasciare parte della mia tensione con te?” chiese, ignorando le altre sue domande.

“Penso …” Fece una pausa, abbassando la voce. “Che sei una bella donna che sa cosa vuole e come ottenerlo.”

“Chi ha detto che ti volevo?” ha sfidato.

“Lo dicono i tuoi begli occhi.”

“Stai vedendo quello che vuoi vedere.”

“Sono io?” Inclinò la testa a destra mentre la guardava pensieroso. “Cosa ti trattiene, Ria?”

“Non faccio collegamenti casuali. E devo alzarmi presto la mattina. In di giorno vado in barca per Sea Charters. “

” Allora barista, marinaio, quali altri talenti hai? “

” Non ti piacerebbe sapere? “

“Mi piacerebbe saperlo”, ha detto con un sorriso. “Perché non me lo dici? O meglio ancora, fammelo vedere?”

Scosse la testa al suo sorriso affascinante.Quando l’aveva visto per la prima volta, la sua espressione era stata tesa, ma da quando avevano iniziato a parlare si era notevolmente allentato.

“Mi stai spezzando il cuore”, disse, mettendo un mano al petto.

“Ne dubito. E ci sono molte donne in questo bar se vuoi compagnia. “

” Mi interessa solo la tua azienda. Mi intrighi. “

” Non riesco a immaginare perché. “

” Cosa ti ha portato su questa piccola isola in mezzo al mare? “

Ha riflettuto un momento, poi ha detto l’unica parola che le è venuta in mente.” Libertà. “

Incontrò il suo sguardo. “L’hai trovato?”

“Sono vicina”, ha detto. “Quando sono in mezzo all’oceano, senza terra in vista, nient’altro che acqua blu e occasionali gabbiani, mi sento quasi come se fossi scappato.”

“Fuggito da cosa?”

“Niente che mi interessi condividere.” Inspirò profondamente, cercando di calmare la tensione che le attraversava il corpo, che ora aveva tanto a che fare con la sua attrazione per Drew quanto con le sue preoccupazioni per il giorno successivo.

“Capisco il desiderio scappare “, ha detto.

” Davvero? “

” Sì. Ho sentito i muri chiudersi su di me per la prima volta quando ero un adolescente. C’erano otto bambini che condividevano quattro camere da letto e due bagni. Era sempre troppo affollato in casa mia, i bambini litigavano, piangevano, urlavano, quindi me ne andavo ogni volta che potevo. E un giorno sono finito all’aeroporto. Ho preso una lezione di volo e ne sono rimasto affascinato. Non c’è niente come la terra che cade e nient’altro che il cielo blu di fronte a te per farti sentire come se il mondo fosse appena diventato più grande. ” Fece una pausa. “Siamo una bella coppia. Ho bisogno del grande cielo blu e tu hai bisogno del grande mare blu.”

Lei sorrise. “A quanto pare, nessuno di noi è così bravo sulla terra.”

“Forse potremmo stare bene insieme”, suggerì.

Lei rise. “Non ti perdi un’opportunità, vero?”

Finì il suo drink poi si alzò in piedi. “Alloggerò nei cottage. Numero nove. La porta sarà aperta, Ria.”

“Non vengo.” Avrebbe voluto che le sue parole fossero un po ‘più forti, un po’ più energiche.

“Allora sarò deluso. Ho rifiutato il bacio della sirena, perché voglio il tuo.”

” Un’altra buona linea. Ne sei pieno. “

” Non sono un giocatore. “

” Non mi hai dato assolutamente alcun motivo per crederlo. “

“Lo so”, ha ammesso. “Probabilmente non mi crederai, ma non lo faccio da un po ‘.”

“Allora, perché io?”

“Hai una bocca intelligente e sei sexy da morire. Mi piacerebbe vederti con i capelli sciolti. Mi piacerebbe mostrarti quanto potremmo stare bene insieme. “

Il suo tono rauco le fece venire un altro brivido lungo la schiena. “Come fai a sapere che saremmo bravi? Non mi conosci affatto”, ha detto, cercando di mantenere una forte difesa contro il suo fascino. “Siamo estranei.”

“Per adesso. Ma quale modo migliore per imparare l’uno sull’altro? “

” Non cerco guai. “

” C’è una luce nei tuoi occhi che dice che è esattamente quello che stai cercando. “

Trattenne il fiato, pensando che lui potesse aver ragione su questo.

Drew inclinò la testa e se ne andò.

lo guardò fino all’uscita. Quando la porta si chiuse dietro di lui, lei sospirò, chiedendosi come potesse già sentirne la mancanza.

Era solo un altro ragazzo, solo che non lo era, e non riusciva a capire perché.

Forse era la serietà che si celava proprio dietro il suo sorriso. Non era come la maggior parte dei ragazzi che la picchiavano. Quelli che poteva sopportare. Lei sapeva che sarebbero passati alla prossima donna prima che lei potesse finire di dire di no. Ma Drew se n’era andato. Aveva buttato giù il suo invito ed era uscito dalla porta.

Stava per aspettarla. Era abbastanza fiducioso che si sarebbe presentata, ma avrebbe aspettato a lungo.

Tornò a concentrarsi sul lavoro. Per l’ora successiva, servì da bere, prese bicchieri vuoti e guardò i minuti scandire l’orologio. Poco prima di chiudere l’amico di Drew se ne andò con due donne che lo fiancheggiavano su entrambi i lati. A quanto pare, stasera non sarebbe stato solo.

Alle due del mattino ha pulito il bancone e chiuso il registro. Disse la buonanotte a Martin e uscì, il profumo dei fiori e del mare tutto intorno a lei. Fece una pausa per un momento e inspirò profondamente un’aria dolce e salata. Il caldo della notte riecheggiava il bisogno appassionato che le bruciava nel corpo, un bisogno che era stato illuminato dal sorriso sexy di uno sconosciuto.

Viveva in un appartamento ammobiliato a tre isolati dal resort. Il cottage dove alloggiava Drew distava solo un centinaio di metri.

L’indecisione la fece esitare per un lungo minuto. Non aveva mentito quando aveva detto a Drew che non era appassionata di rapporti, ma quella sera si sentiva irrequieta e spericolata. Non avrebbe comunque dormito. Era troppo preoccupata per la mattina e per la realtà di quello che stava per fare.

In sei ore avrebbe potuto essere morta.

Non era una pessimista, solo un realista.

Forse dovrebbe passare quelle ore a fare qualcosa che la renda felice, qualcosa che non ha mai fatto.Era passato molto tempo da quando aveva pensato ad altro che al piano, all’obiettivo. Nient’altro importava se non mantenere la promessa che aveva fatto a sua sorella. Ma quella sera Drew le aveva ricordato che era una donna ed era sola e spaventata, provocatoria e determinata, tutto allo stesso tempo.

Era il momento peggiore possibile per essere coinvolti con qualcuno.

D’altra parte…

Si tolse la fascia dai capelli e lasciò che le lunghe onde le fluissero liberamente intorno alle spalle. Poi si incamminò lungo il sentiero che portava ai cottage, i suoi nervi formicolavano e si irrigidivano a ogni passo.

Bussò alla sua porta, girò la maniglia ed entrò. Il cottage era una grande stanza, un piccolo salotto e un letto king-size.

Drew si sedette sul divano. Stava leggendo un libro quando lei entrò. Sembrava una specie di romanzo giallo. Era sciocco, ma la vista di quel libro la spinse oltre il limite. Aveva sempre trovato l’intelligenza per eccitare, e quest’uomo era intelligente, forse troppo intelligente. Finora l’aveva letta in modo abbastanza accurato.

Ma in molti modi le piaceva la sua onestà. Non aveva preparato la scena con le candele. Non c’era vino o champagne a raffreddare. Non stava cercando di sedurla. Stava solo aspettando …

Dopo un momento posò il libro e si alzò, incontrando il suo sguardo. Poi lentamente si avvicinò a lei. Non fece alcuna mossa per toccarla o baciarla. La guardò semplicemente con i suoi occhi scuri e ombrosi, e lei sentì un’incredibile attrazione. Tutte le sue terminazioni nervose formicolavano. C’era elettricità tra di loro, un’attrazione oscura e pericolosa.

“Sono contento che tu sia venuta, Ria. Perché l’hai fatto?”

Una domanda così semplice, una risposta così complicata Si accontentò della verità fondamentale. “Ti voglio”.

Il fuoco nei suoi occhi divampò. Le mise le mani sulla vita. “Conosco la sensazione.”

“Per stasera”, ha aggiunto. “È tutto quello che posso darti. Ho bisogno che tu sappia esattamente dove mi trovo.”

“Tutto quello che mi interessa è che tu sia qui di fronte a me. Sei bellissima, Ria. E voglio anche te. “

Il suo stomaco si strinse al desiderio nel suo sguardo. E poi aveva finito di guardare. La attirò per un bacio.

Aveva un sapore inebriante quanto la vodka che gli aveva servito e la baciò come un uomo che non aveva una donna da molto tempo. Ha incontrato la sua bocca esigente con lo stesso senso di urgenza e bisogno.

Una parte di lei ha chiesto cautela, ma non poteva più ascoltare quella voce. Per alcune ore sarebbe stata solo una donna, la donna che era stata, la donna che sperava di essere di nuovo un giorno.

Non si sapevano niente l’una dell’altra, eppure c’era una connessione tra di loro che andava molto più in profondità del tocco delle loro bocche. Qualcosa dentro di lei ha riconosciuto qualcosa dentro di lui. Non aveva idea di cosa fosse.

Ma non voleva analizzare o preoccuparsi. Questo è tutto quello che faceva da mesi. Voleva solo perdersi in Drew, essere una donna senza passato, raggiungere quel momento sfuggente di completa e totale libertà. Poiché tra poche ore c’erano buone possibilità, anche il suo futuro sarebbe finito.

* * *

Drew si svegliò poco prima dell’alba sentendo l’arrivo di una calda brezza attraverso la finestra aperta e il suono degli uccelli che cantano sugli alberi fuori. Per la prima volta da molto tempo aveva dormito senza sogni. Gli incubi degli ultimi otto anni si erano ritirati nella sua mente. Non c’erano esplosioni, scene sanguinose, urla di dolore e angoscia, niente più orrore o dolore.

Invece, provò una sensazione confusa e felice, come se tutto fosse improvvisamente a posto con il mondo. Era completamente rilassato con una facilità che veniva dopo un ottimo sesso e un sonno duro e profondo. Quasi non voleva svegliarsi, affrontare la giornata, dover pensare alle decisioni che aveva preso riguardo al suo passato e al suo futuro. Voleva solo stare in questo posto caldo e meraviglioso, il posto che Ria aveva creato.

Dio! Che donna. Così bella con i suoi capelli biondi setosi lunghi fino alle spalle, gli occhi castani, il naso bruciato dal sole e una bocca fatta apposta per i baci. Aveva portato una luce nella sua vita, una bellezza che non vedeva da tempo. Era stata appassionata, generosa e divertente. Non avevano solo fatto l’amore; avevano riso e parlato, e il suono della sua voce lo aveva riscaldato.

Era venuto sull’isola per rilassarsi, ricaricarsi, ritrovare il suo sorriso e lui ” L’avevo trovato tra le sue braccia. Aveva odore di fiori d’arancio, come i fiori che circondano il suo cottage sulla spiaggia, e lui si era sentito come se potesse respirare il suo profumo per sempre, e per sempre non sarebbe stato abbastanza a lungo.

Quel pensiero lo scosse. sveglio. Non pensava alle donne in termini di per sempre. Avere solo se stesso di cui preoccuparsi era molto più facile che doversi preoccupare di qualcun altro. Ma questo non significava che non potesse godersi il tempo che avevano passato insieme.

Si girò su un fianco, raggiungendo le morbide curve che aveva esplorato per la parte migliore della notte.

Ria non c’era.

Si alzò di scatto, rendendosi conto di quanto fosse silenzioso il cottage.Il bagno era vuoto, e mentre i suoi vestiti erano ancora gettati sul pavimento, quelli di Ria erano spariti. Non c’era traccia dei suoi pantaloncini bianchi o della sua canotta rosa. Nessun segno del reggiseno di pizzo rosa e del perizoma abbinato che le aveva tolto dal corpo solo poche ore prima.

Provò un’ondata di delusione. Sarebbe partito questo pomeriggio, ma pensava che avrebbero avuto qualche ora in più insieme. Voleva saperne di più su di lei. Voleva parlare con lei, almeno per salutarla. Che strana sensazione era quella. Era abituato ad andarsene per primo, a evitare le conversazioni del mattino dopo, ma questa volta Ria lo aveva picchiato alla porta e non gli piaceva.

Si lasciò cadere sui cuscini e guardò in alto. il soffitto. I ricordi della notte prima gli passarono per la mente. Il caldo tra loro aveva bruciato tutta la notte. Era passato molto tempo da quando si era sentito … spazzato via. Era sempre stato uno che pensava troppo, analizzava troppo, ma la notte scorsa il suo corpo aveva completamente preso il sopravvento. Non aveva pensato a cosa sarebbe successo dopo, fino ad ora.

Ora, era ovvio che non sarebbe successo nulla. Ria se n’era andata. Dovrebbe esserne felice. Nessun addio, nessuna scena emotiva disordinata, nessuna promessa di chiamare o rimanere in contatto. In realtà era la mattina perfetta dopo un’avventura di una notte. L’unico problema era che non voleva che fosse ancora finita.

Si disse che era meglio così. Martedì stava iniziando il suo nuovo lavoro, un lavoro a migliaia di chilometri da quest’isola. La fase successiva della sua vita stava per iniziare e aveva bisogno di guardare avanti invece che indietro.

Alzandosi, andò in bagno e fece una lunga doccia, cercando di scacciare Ria dal suo capo. Ma mentre insaponava, tutto quello a cui riusciva a pensare era il modo in cui lei lo aveva toccato, baciato, sorridendogli e gridato il suo nome mentre avevano raggiunto il culmine insieme.

Dannazione! Impostò la temperatura dell’acqua su fredda e rimase sotto lo spray finché non si congelò. Poi è uscito dalla doccia, si è asciugato e si è vestito. Gettò il resto dei suoi vestiti nella borsa da viaggio e si guardò intorno per assicurarsi di non lasciare nulla dietro.

Non riusciva a scrollarsi di dosso la sensazione che quello che si stava lasciando dietro fosse quello giusto e l’unica donna che aveva toccato la sua anima e lui non conosceva nemmeno il suo cognome.

Stava per andarsene?

La domanda correva continuamente la testa.

Alla fine trovò una risposta: no.

Aveva poche ore prima che il suo aereo partisse. L’avrebbe trovata, le avrebbe parlato, forse avrebbe avuto il suo numero di telefono. Uscendo, si fermò, rendendosi conto che non sapeva dove abitava e il bar / ristorante dove lavorava non apriva fino all’ora di pranzo.

Poi si ricordò che lei gli aveva detto che stava prendendo fare un charter in barca al mattino. Si sentì leggermente meglio rendendosi conto che lei era partita presto per andare a lavorare. Qualcuno al porto avrebbe potuto aiutarlo a trovarla, o almeno dirgli quando sarebbe tornata.

Il molo era a pochi passi di distanza. Barche a vela colorate e pescherecci logori riempivano gli scivoli. In lontananza c’era un enorme yacht di lusso. Si chiedeva a chi appartenesse, qualcuno con molti soldi. Probabilmente una delle persone che vivevano nelle ville in cima alla montagna che aveva notato mentre faceva il bodysurf il giorno prima. Sarebbe bello avere abbastanza soldi per avere una casa su un’isola. Non lo vedeva nel suo futuro.

Vicino all’ingresso del molo c’era un piccolo edificio con un’insegna che diceva Sea Charters.

Entrò nell’edificio e si avvicinò a il contatore. Un giovane ispanico con un’etichetta con la scritta Juan lo accolse con un sorriso amichevole.

“Salve, Señor. Come posso aiutarti?” Chiese Juan.

“Sto cercando una donna. Il suo nome è Ria. La conosci? “

” Sì “, disse Juan con un cenno del capo.” Ria è una ragazza bellissima, molto apprezzata dai clienti. “

” Sai quando lei tornerai? “

Juan guardò il grande calendario sul bancone.” Qualche ora. Ho altre guide disponibili se vuoi uscire. “

” No “, disse, tamburellando irrequieto con le dita sul bancone.

Dunque era così. Ria era fuori sull’oceano e probabilmente non sarebbe tornato prima di dover prendere il suo aereo.

“Vuoi che le dia un messaggio per te?” Chiese Juan, uno strano luccichio negli occhi.

Drew ci pensò su per un momento, poi scosse la testa. Che diavolo stava facendo? È stato un collegamento. È tutto. Doveva lasciarlo andare.

“No, grazie.”

Mentre usciva dall’ufficio, un fragoroso boom illuminò l’aria, facendo oscillare il terreno sotto i suoi piedi. Udì un rantolo di un gruppo di turisti sul molo, poi la porta si aprì dietro di lui e Juan corse fuori. Insieme guardarono verso il mare. Oltre la curva della collina vicina, videro il fumo che correva verso il cielo.

“Cos’è stato?” Chiese Drew.

“Non lo so”, disse Juan. Corse lungo il molo verso l’ufficio del capitano del porto e Drew decise di seguirlo.

Una folla di persone si radunò fuori l’ufficio.Le voci volavano, tutte incentrate su un’esplosione di una barca.

Lo stomaco di Drew si voltò. Era assurdo pensare che l’esplosione avesse qualcosa a che fare con Ria, ma aveva una brutta sensazione allo stomaco.

“Juan, ho cambiato idea”, ha detto. “Devo farlo noleggiare una barca. “

L’altro sembrava riluttante. “Meglio aspettare. Dovremmo stare alla larga.”

“Faccio ricerca e soccorso per la Guardia Costiera degli Stati Uniti.” Tirò fuori il portafoglio e tutti i soldi che aveva. “Ho bisogno di una barca.”

L’avidità di Juan ha vinto. “Ti porto io.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *