Potresti pensare che la tua colonna vertebrale sia principalmente ossea. Ma in realtà c’è molta acqua nei dischi spinali che sono infilati tra le vertebre o le ossa della colonna vertebrale.

Questi dischi agiscono come ammortizzatori. Consentono alla colonna vertebrale di sostenere il peso e fornire flessibilità alla colonna vertebrale. Il grande contenuto di acqua dei dischi li aiuta a svolgere questi ruoli.

Quando i dischi perdono acqua, non funzionano più come prima, il che può causare mal di schiena e altri sintomi.

I dischi perdono naturalmente un po ‘d’acqua con l’avanzare dell’età. Ma la disidratazione può verificarsi anche quando non si riceve abbastanza acqua, da sola o nel cibo. Se la disidratazione è abbastanza grave, può aumentare il rischio di lesioni alla colonna vertebrale o aggravare una condizione della colonna vertebrale esistente.

In che modo l’acqua sostiene una colonna vertebrale sana?

I dischi spinali contengono fino all’85% di acqua. La maggior parte di quest’acqua è presente nel centro molle del disco, o nucleo polposo. Anche l’anello esterno duro del disco, l’anello fibroso, contiene acqua, ma in quantità inferiori. Questo alto contenuto di acqua nei dischi aiuta la normale funzione della colonna vertebrale.

Dr. Ehsan Jazini, chirurgo della colonna vertebrale presso il Virginia Spine Institute, a Reston, Virginia, afferma che i dischi agiscono come ammortizzatori, che consentono alla colonna vertebrale di resistere alla compressione durante attività come stare seduti, correre e camminare.

Quando tu sono seduti o in piedi, i dischi vertebrali sono compressi dal peso (noto anche come carico) che stanno sostenendo. Ciò fa sì che parte dell’acqua venga spremuta dal disco. Alcune ricerche mostrano che i dischi spinali nella parte inferiore della colonna vertebrale (colonna lombare) perdono circa il 20 percento della loro acqua nel corso delle attività di una giornata.

Di notte, quando ci si sdraia, la maggior parte del carico su i dischi vengono rimossi. Quando ciò accade, l’acqua rifluisce lentamente nel disco. Tuttavia, affinché ciò avvenga, il corpo deve essere adeguatamente idratato.

“È importante reidratare continuamente questa struttura critica per fornire un cuscino adeguato alla nostra colonna vertebrale”, afferma Jazini, “riduce il rischio di mal di schiena e di sviluppare una condizione spinale più grave. “

Il flusso quotidiano di acqua dentro e fuori i dischi spinali ha anche un altro scopo importante: nutrire i dischi.

” Il disco ottiene i suoi nutrienti attraverso una costante perdita e guadagno di liquidi “, afferma Jazini.” La disidratazione sconvolge questo equilibrio e non consente ai nutrienti adeguati di fluire al disco, aumentando il rischio di lesioni e degenerazione “.

La disidratazione può causare mal di schiena?

Se il corpo è disidratato, potrebbe non essere in grado di reintegrare l’acqua nei dischi spinali. Jazini dice che può causare la compressione dei dischi. Ciò può rendere più difficile per i dischi attutire le vertebre e può ridurre la flessibilità della colonna vertebrale.

Niccie Dearing, RN, DC, un chiropratico a Gaffney, nella Carolina del Sud, ha indicato uno studio sui ratti come prova di come la disidratazione possa influire sulla colonna vertebrale.

Nei ratti disidratati, i dischi spinali avevano un contenuto di acqua inferiore, rispetto ai ratti a cui era consentito bere quanta acqua ne avevano bisogno. Di conseguenza, i ratti disidratati avevano dischi più rigidi, che secondo i ricercatori potrebbe portare a una colonna vertebrale meno flessibile. Sebbene questo studio sia stato condotto sui ratti, Dearing afferma che probabilmente è vero anche per le persone.

Se il contenuto d’acqua dei dischi diminuisce, i dischi non funzionano più normalmente. Questa disidratazione può portare a problemi alla colonna vertebrale che possono causare dolore lombare o altri sintomi.

“Questa ridotta mobilità aumenta il rischio di lesioni alle fibre di collagene che compongono il materiale del disco”, afferma Jazini. “Lesioni ai dischi può causare infiammazione ed ernia del materiale del disco e portare alla compressione del “.

La disidratazione può anche interessare i muscoli e i tendini che supportano la colonna vertebrale, che secondo Jazini sono” criticamente dipendenti “dal corretto idratazione. Ciò potrebbe influire negativamente sulla colonna vertebrale.

“La minore flessibilità nei muscoli che circondano la nostra colonna vertebrale aumenta il rischio di lesioni agli elementi spinali, inclusi i dischi, le faccette articolari e le capsule delle faccette”, afferma Jazini .

Sebbene una grave disidratazione possa influire sul contenuto di acqua dei dischi spinali, di solito perdono un po ‘d’acqua con l’avanzare dell’età.

La colonna vertebrale di ognuno cambia in modo diverso, ovviamente. Ma in uno studio, il contenuto d’acqua della parte centrale del disco è diminuito dall’85% all’età di 14 anni al 75% all’età di 91 anni. Anche l’anello esterno del disco ha perso acqua, ma in misura minore.

on l’avanzare dell’età si verificano anche altri cambiamenti ai dischi spinali. Insieme, questi possono portare a malattie degenerative del disco, una condizione comune negli anziani.

Come puoi rimanere idratato?

La maggior parte studi condotti su persone di idratazione e salute della colonna vertebrale hanno esaminato la degenerazione del disco legata all’età.Quindi non è chiaro quanto devi essere disidratato prima che la tua colonna vertebrale sia colpita. Ma questo non significa che dovresti trascurare di bere abbastanza acqua ogni giorno.

“Bere molta acqua è così importante per tutti, ma soprattutto se hai una malattia degenerativa del disco”, dice Dearing.

Aggiunge che rimanere idratati può aiutare la colonna vertebrale in altri modi, non solo mantenendo il contenuto di acqua dei dischi spinali.

“aiuta a frenare l’appetito, il che può essere utile per chi è in sovrappeso o obesi e hanno a che fare con l’artrite “, dice,” e aiuta a eliminare le tossine dal nostro corpo “.

Rimanere idratati è importante anche per altri aspetti della salute, inclusa la salute del cuore e proteggersi dal calore ictus.

Quindi quanta acqua dovresti bere al giorno per rimanere idratato? Molte persone hanno sentito la regola: “bevi almeno otto bicchieri da 240 ml di acqua al giorno”. Anche se questo detto è in circolazione da molto tempo, non c’è molta scienza a sostenerlo.

La maggior parte delle persone se la caverà bene bevendo acqua quando hanno sete: l’istinto della sete è molto affidabile. Anche se negli anziani potrebbe non essere così preciso, potrebbe essere necessario essere più attenti a rimanere idratati.

Ovviamente, ci sono momenti in cui sarà necessario aumentare l’assunzione di liquidi: durante l’esercizio, quando fa caldo, o quando hai vomito o diarrea.

Quindi, quando hai sete, quale fluido dovresti raggiungere? L’acqua è sempre una buona opzione. Ma la maggior parte degli alimenti freschi contiene anche acqua, soprattutto frutta e verdura. Anche altre bevande possono funzionare, ma dovresti fare attenzione a non consumare troppe calorie in forma liquida. E l’alcol è un diuretico, quindi potresti finire per perdere parte dell’acqua nelle urine.

Qualunque sia il metodo di idratazione che scegli, tieni presente che lo stai facendo per la tua salute, compresa quella di la colonna vertebrale.

“L’idratazione è un aspetto molto semplice della salute della colonna vertebrale che viene comunemente trascurato”, afferma Jazini. “Questa componente di base del benessere può fare una grande differenza nell’evitare le condizioni spinali.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *